Spedizione gratuita per ordini superiori a 30 €!

Gli studi sui benefici del CBD per curare il cancro

L’olio di cannabis è efficace contro il cancro?

Il cancro è una tra le malattie più gravi attualmente conosciute. La sua complessità lo rende particolarmente difficile da trattare.

Ad oggi esistono una serie di studi sull’uso della cannabis per curare il cancro; molte delle persone malate di cancro sperano di poter beneficiare dell’uso dell’olio di cannabis (olio di CBD) per potersi curare.

Può funzionare davvero? Scopriamolo insieme.

Il Cancro e suoi sintomi

Il cancro è il nome dato a un tumore maligno. Esso si sviluppa quando le cellule del corpo umano crescono in modo anomalo. Se il tumore non viene curato, vengono a formarsi le metastasi.

Purtroppo ogni organo del corpo umano può essere interessato da questa malattia.

Il cancro è spesso causato da una combinazione di fattori ereditari e ambientali. Ad esempio il fumo o il lavoro a contatto con delle sostanze cancerogene, possono incidere a favore di questa malattia. Esistono diverse opzioni per trattare le diverse forme di cancro.

Ci sono alcuni organi del corpo in cui le metastasi si formano più rapidamente; questa situazione purtroppo riduce le probabilità che una cura sia del tutto efficace.

I sintomi più comuni di cancro sono:

  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Dolore cronico
  • Malessere
  • Letargia
olio_di_CBD

È possibile curare il cancro con l’olio di cannabis?

La cannabis viene molto spesso nominata come un farmaco antitumorale estremamente efficace. Questa affermazione è supportata sia dalle esperienze individuali di pazienti che hanno assunto dell’olio di cannabis per curare il cancro, oltre ai risultati di ricerca speciali.

Il problema di questi studi e dei loro risultati è che essi non sono condotti direttamente sull’uomo; nella maggior parte dei casi infatti, sono stati studiati gli effetti dell’olio di cannabis su cellule tumorali isolate. Ciò limita il loro valore in termini di effetto curativo.

I risultati mostrano che le cellule tumorali possono essere uccise dai principi attivi della cannabis. Ad ogni modo questi risultati non garantiscono che questo effetto possa verificarsi anche nelle cellule presenti nel corpo umano.

Allo stesso modo vale per i singoli casi studio; i risultati ottenuti nei test non possono essere correlati ad un pubblico generico su larga scala.

Ad ogni modo, grazie a tutti questi esempi positivi, i benefici del CBD e della cannabis sul cancro vengono studiati sempre con maggiore interesse e più attivamente.

Come la cannabis influisce sull’organismo

I due ingredienti attivi più noti nella cannabis sono il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC). Quando viene assunta della cannabis viene assimilato il THC, che è il principio attivo che provoca intossicazione e che rende questo componente illegale in molti paesi. A differenza del THC, l’estratto di CBD non ha quasi alcun effetto psicoattivo, motivo per cui è legalmente disponibile nella maggior parte dei paesi.

Studi affermano che l’olio di cannabis abbia molti effetti positivi sul corpo umano, come ad esempio un effetto antidolorifico, antinfiammatorio e calmante. Ecco perché viene usato sempre più spesso per curare il cancro.

Le proprietà del CBD alleviano efficacemente vari disturbi allo stesso modo di una sostanza naturalmente prodotta dal nostro organismo. Il CBD è un cosiddetto fitocannabinoide che è molto simile agli endocannabinoidi umani. Questo gli permette di unirsi al sistema endocannabinoide del corpo umano entrando in contatto con diversi processi e attività dell’organismo stesso.

Cosa dicono esattamente gli studi?

Purtroppo non esistono ancora prove confermate che i prodotti CBD possano combattere efficacemente il cancro. Al momento sono stati condotti numerosi esperimenti su animali ed esperimenti su cellule tumorali isolate; questi studi hanno dimostrato che le proprietà del CBD sono in grado di combattere il cancro. Per quanto riguarda gli effetti sull’organismo umano, i benefici del CBD non possono ancora essere confermati perché non sono stai effettuati degli studi scientifici diretti su dei pazienti.

Durante gli esperimenti condotti in laboratorio si è potuto riscontrare che il CBD è stato in grado di prevenire la crescita di varie cellule tumorali, incluse: leucemia, cancro cervicale, carcinoma mammario e carcinoma prostatico. Il CBD ha anche un effetto inibitorio sulla crescita delle cellule tumorali del sistema nervoso, come gliomi e neuroblastomi.

Le proprietà del CBD sono inoltre utili durante la radioterapia perché riescono a rendere le cellule tumorali più sensibili alle radiazioni.

Come viene usata la cannabis per trattare i sintomi del cancro?

Sebbene non siano ancora disponibili risultati sul fatto che la cannabis possa effettivamente curare i tumori, viene già utilizzata con successo dai malati di cancro. I prodotti CBD vengono principalmente utilizzati per trattare le condizioni tipiche associate al cancro e alle sue terapie.

La chemioterapia, ad esempio, spesso provoca nausea, vomito e perdita di appetito. Questi effetti collaterali possono essere alleviati dall’uso della cannabis.

Inoltre il cancro può causare dolore, perdita di peso, ansia e depressione. Anche in questi casi l’impiego della cannabis si è dimostrato efficace per aiutare i pazienti che vivono queste condizioni.

L’esperienza con il CBD contro il cancro ha dimostrato che alleviare questi sintomi contribuisce notevolmente alla qualità della vita delle persone colpite.

CBD come alternativa al THC

Essendo il THC illegale in molti paesi, molte persone preferiscono acquistare l’olio di cannabis per curare il cancro. L’olio di cannabis è un olio a base di canapa. La canapa ha un contenuto molto basso di THC, di conseguenza anche l’olio prodotto da essa contiene pochissimo THC. Per non essere fuori legge, l’olio di CBD venduto in Germania non deve superare lo 0,2% di contenuto di THC.

Se si vuole acquistare dell’olio di CBD per curare il cancro devono essere considerate alcune cose. Il contenuto del CBD, ad esempio, va valutato con attenzione. È Inoltre necessario fare una distinzione tra prodotti a spettro completo e isolati.

cbd

L’olio di CBD può anche essere molto utile per curare altre malattie, lo dimostrano le molte esperienze positive di pazienti con i prodotti CBD.

In conclusione

Al momento non esistono degli studi significativi che possano dimostrare che la cannabis sia una cura per il cancro. Tuttavia diversi studi sono attualmente in corso su questo argomento con la speranza di fornire importanti informazioni in merito. La cannabis viene comunque utilizzata per trattare una varietà di condizioni negative e malattie; in particolar modo nell’ambito del trattamento associato al cancro, come ad esempio la nausea e il vomito. Grazie all’uso di olio di cannabis questi sintomi possono essere facilmente alleviati.

GOCCE DI OLIO DI CBD DI ALTISSIMA QUALITÀ

L'olio di CBD Alterlife ha già aiutato oltre 117.470 persone in tutto il Regno Unito e in Europa

Per saperne di più

One thought on “Gli studi sui benefici del CBD per curare il cancro

LASCIA UN TUO COMMENTO